Schede Dati Sicurezza: ultimi 6 mesi

Pubblicato il 16 Gennaio 2011

Negli ultimi anni le Schede di Dati di Sicurezza (SDS) hanno subito diverse modificazioni; se da un lato la loro struttura è consolidata in un format a 16 punti, il loro contenuto è in continua evoluzione a testimonianza di una sempre crescente attenzione verso i pericoli e i rischi connessi con le sostanze chimiche, nonché con le miscele.

Lo schema in 16 punti introdotto con la direttiva 91/155/CEE, successivamente modificata dalla 2001/58/CE, è stato un modello di successo, e per questo riconfermato dal regolamento CE n. 1907/2006 meglio conosciuto con l’acronimo REACH.

Tuttavia nell’Allegato II del regolamento REACH troviamo alcune novità sui contenuti delle SDS, tra le quali le principali riguardano l’identificazione dei pericoli e le informazioni sulla composizione.

Ma il processo evolutivo della SDS non si ferma qui.

La SDS integrata con le informazioni previste dal REACH, e dove previsto corredata dalla Relazione sulla Sicurezza Chimica, comprensiva di scenari di esposizione e usi identificati, deve ora essere aggiornata alle nuove disposizioni introdotte dal regolamento CE n.1272/2008, o CLP.

A tal proposito è stato recentemente emanato il regolamento UE n.453/2010, in vigore dal 20 giugno 2010. Lo scopo è quello di modificare, a partire dal 1 dicembre 2010, l’Allegato II del REACH per adeguarlo ai nuovi criteri di classificazione della pericolosità delle sostanze e ad altre disposizioni previste dal CLP.

Ø Fino al 1° dicembre 2010 i fornitori di sostanze e miscele possono fornire la SDS secondo le prescrizioni di cui all’Allegato I del regolamento UE n.453/2010; altrimenti possono scegliere di rifarsi solo all’Allegato II del REACH;

Ø A decorrere dal 1° dicembre 2010 i fornitori di sostanze e miscele devono fornire la SDS secondo le prescrizioni di cui all’Allegato I del regolamento UE n.453/2010.

Dal 1° giugno 2015 si applicano le disposizioni in Allegato II del regolamento UE n.453/2010, che dunque sostituisce l’Allegato II del REACH. In pratica, a partire da tale data:

Ø le sostanze devono essere classificate, etichettate e imballate soltanto conformemente al regolamento CLP;

Ø le miscele devono essere classificate, etichettate e imballate unicamente in conformità al regolamento CLP;

e di conseguenza nella SDS compariranno solo le classificazioni delle sostanze e delle miscele conformemente al regolamento CLP, come indicato nell’Allegato II del regolamento UE n.453/2010.

Per maggiori informazioni si rimanda alla sezione del sito dedicata alla consulenza REACH-CLP.

Per ulteriori dettagli e chiarimenti contattateci.  
 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore