Rifiuto ecotossico: classificazione ADR

Pubblicato il 16 Maggio 2012

Rifiuto ecotossico: classificazione ADR
Dal 25 marzo 2012 il criterio per valutare un rifiuto ecotossico fa riferimento all'accordo ADR per la classe 9 – Materie ed oggetti pericolosi diversi – M6 (materie pericolose per l’ambiente acquatico, liquide) e M7 (materie pericolose per l’ambiente acquatico, solide), fino all’emanazione del decreto ministeriale, che definirà ulteriormente tali criteri.

Il produttore/detentore di rifiuti, dovrà, se non l'ha ancora fatto, riconsiderare la codifica dei propri rifiuti sulla base delle sostanze che entrano in gioco nel ciclo produttivo ed i dati desumibili dalle schede di sicurezza:
- in presenza di un “codice a specchio” è necessario rivalutare la presenza o meno di sostanze pericolose secondo il criterio ADR
- per tutti i rifiuti già classificati pericolosi va considerata anche la caratteristica di ecotossicità – H14.

La ripercussione principale della classificazione di un rifiuto pericoloso come ecotossico sta nel fatto che tale rifiuto venga poi sottoposto alla normativa ADR, con tutto quello che ne consegue (trasporto ed etichettatura ADR, autista dotato di patentino ADR, ecc...).

Questo è quanto è stato stabilito dall'art.3, comma 6, del dl n. 2/2012, come convertito dalla legge n. 28/2012, fino ad emanazione di un decreto ministeriale specifico.
 

Per ulteriori dettagli e chiarimenti vi invitiamo a legger l' approfondimento o a  contattarci.
 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore