Procura Nazionale Infortuni Sicurezza: Guariniello

Pubblicato il 04 Marzo 2012

Nell’audizione che si è tenuta presso il Senato il 15/2/2012 nell’ambito della commissione Morti bianche presieduta dal Senatore Tofani, si è proceduto all’audizione sia del famoso Procuratore aggiunto alla Procura di Torino, il dott. Raffaele Guariniello nonché al Procuratore Capo Dott. Caselli.

Oggetto dell’audizione : il punto sulle strategie adottate dalle Procure nei processi Sicurezza e Salute sul Lavoro.

Nello specifico c’è un problema contingente che riguarda la Procura di Torino (quella che ha seguito alcuni dei processi più rilevanti -Thyssen e Eternit per esempio -) legata all’obbligo dello spostamento di alcuni magistrati super specializzati in questa materia nche costituiscono il pool del dott. Guariniello.

Partendo da questo spunto e dai notevoli risultati conseguiti a Torino, anche grazie all’adozione di tecniche di indagine innovative, è stata proposta una modifica alla Legge per arrivare alla istituzione di una Procura Nazionale specializzata in materia di infortuni sul lavoro da sottoporre all’attenzione del Governo. 

Per il dott. Caselli la Procura Nazionale specializzata in materia di infortuni sul lavoro permetterebbe di conseguire notevoli risultati pur in carenza di risorse umane e materiali.

Per il dott. Guariniello l’intervento dell’autorità giudiziaria a tutela della sicurezza sul lavoro è ancora largamente insoddisfacente, con aree del paese in cui i processi in materia di sicurezza non si svolgono, in altre sono talmente lenti da portare alla prescrizione dei reati.

Questa situazione ha conseguenze devastanti, portando a indifferenza verso la materia degli infortuni e malattie professionali, a danno delle imprese virtuose che rispettano la legge.


L'idea di una Procura nazionale in materia di infortuni sul lavoro nasce da un'esperienza pluriennale ed è volta a delineare un'organizzazione giudiziaria innovativa nel campo della sicurezza del lavoro.

Per Guariniello con una Procura Nazionale in materia di infortuni sul lavoro si potrebbe conseguire i seguenti obiettivi:

-adozione di metodologie di indagine realmente penetranti ed efficaci

-studio a livello Nazionale dei tumori lavorativi con creazione di banche dati Nazionali

-evitare la frammentazione delle indagini relative agli stessi fattori di rischio

-favorire nuovi scenari giudiziari (ad esempio il reato di omissione di cautele infortunistiche, disastro ecc.

-essere un riferimento unico per i vari organi di vigilanza

-applicare in modo sistematico la responsabilità per reati di responsabilità amministrativa di cui al D.lgs 231/01

-stabilire una efficace comunicazione con Inail ai fini del recupero delle somme indennizzate (regresso)

-agevolare le comunicazioni con gli altri paesi stranieri ai fini di indagine.

Il modello cui Guariniello pensa per la Procura nazionale in materia di infortuni sul lavoro è quello Francese

-evitare il problema dello spostamento dei magistrati ogni 10 anni, mantenendo e coltivando la professionalità in questo ambito specialistico.
 

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore