Ministero Lavoro: Programmazione vigilanza 2012

Pubblicato il 16 Aprile 2012

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha reso noto i risultati dell’attività ispettiva svolta nel 2011 (oggetto di specifica notizia) e gli obiettivi e le linee d’intervento per il 2012.

Ricordiamo che vi è stato un acceso dibattito sull’articolo 14 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, «Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo»], che nella prima stesura annullava i controlli  sulla sicurezza per le aziende in possesso di  certificazione del sistema qualità.

Il previsto allentamento dei controlli della prima stesura è stato bloccato anche per sollevazione di alcune associazioni di settore, tra cui l’Associazione Ambiente e Lavoro in particolare.

La prima lettura dei risultati dell’attività ispettiva è a dir poco sconfortante.

Una elevatissima percentuale di aziende è irregolare ed è molto diffuso il lavoro nero.

Il Ministero del Lavoro ha orientato la sua attività di vigilanza verso il contrasto di quei fenomeni di irregolarità che sono emersi e soprattutto nei confronti del Lavoro nero.

Le priorità dell’attività di vigilanza sono:

  • impiego di lavoro nero e clandestino;
  • appalti, subappalti e distacco;
  • lavoro minorile;
  • qualificazione dei rapporti di lavoro;
  • false prestazioni di lavoro in agricoltura;
  • salute e sicurezza sul lavoro.


Nel corso della vigilanza del 2011 sono stati individuati ben 117000 lavoratori in nero per i quali ovviamente non viene applicata nessuna forma di tutela per la sicurezza e salute (formazione, sorveglianza sanitaria ecc.)


Per il 2012, sono previsti 70 accertamenti per ciascun ispettore, per un totale di 20.000 aziende che devono essere ispezionate. A causa della carenza di organico il Ministero ha disposto che il personale tecnico non potrà essere utilizzato nello svolgimento delle verifiche degli ascensori e dei montacarichi, che  non hanno priorità per la pubblica amministrazione e possono essere effettuati da altri soggetti.

Le altre priorità sono individuate nei cantieri anche di piccola dimensione e il mondo degli appalti e dei subappalti che hanno per oggetto le attività manutentive o di pulizia su aree confinate o sospette d’inquinamento (silos, pozzi, cisterne, serbatoi, impianti di depurazione, cunicoli, gallerie ecc.).
 

I controlli in questo ambito, verteranno soprattutto sui seguenti elementi:

- la corretta e la completa elaborazione del DUVRI

- le misure di prevenzione e di protezione previste per effettuare l’intervento lavorativo;

- i contenuti ed effettività” della formazione/informazione nei confronti dei lavoratori delle aziende appaltatrici;

-l’efficienza del sistema organizzativo dell’emergenza.


Parte dell’azione ispettiva sarà indirizzata anche al settore ferroviario e a quei settori nei quali i lavoratori sono esposti ai rischi derivanti dalle radiazioni ionizzanti (strutture sanitarie complesse e settori industriali in cui l’impiego di sorgenti di radiazione si presenta qualitativamente e quantitativamente rilevante).
 

Scarica il documento di programmazione vigilanza per il 2012

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore