Installazione impianti fotovoltaici e attività soggette

Pubblicato il 16 Gennaio 2011

Installazione impianti fotovoltaici e attività soggette

Installazione impianti fotovoltaici e attività soggette

La mera installazione di impianti fotovoltaici non implica la richiesta di certificato prevenzione incendi (CPI) per la struttura ove sono installati. Maggiore attenzione viene rivolta, invece, verso le installazioni che sono effettuate in edifici che sono già soggetti a CPI. E’ stata pubblicata la Guida per regolamentare queste ultime situazioni.

Con la Lettera Circolare del 26 marzo 2010 prot. n. 5158, si va a regolamentare l’installazione degli impianti fotovoltaici (FV) con tensione in corrente continua (cc) non superiore a 1500V.

All’atto della richiesta del CPI, oltre alla documentazione prevista dal DM 4/5/98 (vedi moduli pin per le presentazione delle domande) si dovrà allegare copia del certificato di collaudo dell’impianto FV (di cui vi è un fac-simile in allegato alla lettera circolare) come richiesto dal DM 19/2/2007. In generale, per tutte le attività, soggette a CPI o meno,  l’installazione dell’impianto FV deve avvenire in conformità al DM 37/2008 che ha sostituito la vecchia L. 46/90.

In particolare, per le attività soggette a CPI, si deve fare in modo che l’impianto non costituisca rischio sia in fase di esercizio normale, ma anche in fase di soccorso. Pertanto la guida stabilisca che:

  • non deve costituire causa primaria d’incendio o di esplosione;
  • non deve fornire alimento o via privilegiata di propagazione degli incendi;
  • deve essere previsto un dispositivo di sezionamento sotto carico, azionabile da comando remoto, ubicato in posizione segnalata ed accessibile, in modo da mettere in sicurezza ogni parte dell’impianto elettrico all’interno del compartimento antincendio, anche nei confronti del generatore fotovoltaico. In alternativa al sezionamento del generatore fotovoltaico si dovrà collocare lo stesso in apposita area recintata. La parte del generatore degli impianti fotovoltaici a monte di tale dispositivo di sezionamento deve essere esterna ai compartimenti antincendio, oppure interna ma ubicata in apposito vano tecnico con idonee caratteristiche di resistenza al fuoco;
  • in caso di presenza di gas, vapori, nebbie infiammabili o polveri combustibili, o in caso di fabbricazione, manipolazione o deposito di materiali esplosivi, al fine di evitare i pericoli determinati dall’innesco elettrico di atmosfere potenzialmente esplosive, è necessario installare la parte di impianto in c.c, compreso l’inverter, all’esterno delle zone classificate ai sensi dell’allegato XLIX del D. Lgs. n. 81/08 (Atomosfere ATEX);
  • i componenti degli impianti fotovoltaici non devono essere installati in luoghi sicuri, ne essere di intralcio alle vie di esodo;
  • l’area in cui è ubicato il generatore ed i suoi accessori, qualora accessibile, dovrà essere segnalata con la cartellonistica di pericolo, la quale dovrà essere installata ogni 5 metri per i tratti di conduttura, che indichi la tensione dell’impianto nelle ore diurne;
  • l’ubicazione dei pannelli e delle condutture elettriche deve consentire il corretto funzionamento e la manutenzione di eventuali evacuatori di fumo e di calore (EFC) presenti, nonché deve tener conto dell’esistenza di possibili vie di veicolazione di incendi (lucernari, camini, ecc). In ogni caso i pannelli, le condutture ed ogni altro dispositivo non dovranno distare meno di 1 metro dai predetti dispositivi.

 

Installazione impianti fotovoltaici e attività soggette

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore