Circolare INL numero 1 del 2022: Obblighi formativi SSL

Pubblicato il 17 Febbraio 2022

 Circolare INL numero 1 del 2022: Obblighi formativi SSL

Circolare INL numero 1 del 2022: Obblighi formativi SSL

L'Ispettorato Nazionale del lavoro ha pubblicato la circolare INL numero 1 del 2022 con oggetto "art. 37, D.Lgs. n. 81/2008 come modificato dal D.L. n. 146/2021 (conv. da L. n. 215/2021) – obblighi formativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro".

All'interno della circolare vengono fornite le indicazioni relative alle novità in ambito formazione introdotte dalla legge 215/2021 con riferimento alla formazione di datori di lavoro, dirigenti preposti.

Esaminiamo il contenuto della circolare in questo articolo.

 Circolare INL numero 1 del 2022 - Obblighi formativi SSL

Circolare INL numero 1 del 2022: formazione datore di lavoro

Una prima novità riguardante la formazione, contenuta nell'art. 37 comma 7 del D.Lgs. 81/08, stabilisce che il datore di lavoro (ma anche dirigenti e preposti) debba ricevere "adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico" secondo il programma che verrà identificato dalla conferenza Stato-Regioni entro il 30 Giugno 2022.

In sede di conferenza Stato-Regioni dovrà essere stabilito: “un accordo nel quale provvede all'accorpamento, alla rivisitazione e alla modifica degli accordi attuativi del presente decreto in materia di formazione, in modo da garantire:
a) l'individuazione della durata, dei contenuti minimi e delle modalità della formazione obbligatoria a carico del datore di lavoro;
b) l'individuazione delle modalità della verifica finale di apprendimento obbligatoria per i discenti di tutti i percorsi formativi e di aggiornamento obbligatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro e delle modalità delle verifiche di efficacia della formazione durante lo svolgimento della prestazione lavorativa”.

Tramite questo accordo verranno determinate la durata e i contenuti minimi della formazione dei datori di lavoro.

Circolare INL numero 1 del 2022 - formazione datore di lavoro 

Circolare INL numero 1 del 2022: formazione dirigenti e preposti

In riferimento alla formazione di dirigenti e preposti è necessario sottolineare erano già previsti alcuni obblighi formativi nell'art. 37 del D.Lgs. 81/08 per queste figure.

In particolare al comma 7 si poteva leggere:"i dirigenti e i preposti ricevono a cura del datore di lavoro, un'adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro. I contenuti della formazione di cui al presente comma comprendono: a) principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi; b) definizione e individuazione dei fattori di rischio; c) valutazione dei rischi; d) individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione".

La nuova formulazione prevede, per dirigenti preposti "un'adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in relazione a compiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro, secondo quanto previsto dall’accordo di cui al comma 2, secondo periodo" stabilendo inoltre che "per assicurare l'adeguatezza e la specificità della formazione nonché l’aggiornamento periodico dei preposti ai sensi del comma 7, le relative attività formative devono essere svolte interamente con modalità in presenza e devono essere ripetute con cadenza almeno biennale e comunque ogni qualvolta sia reso necessario in ragione dell'evoluzione dei rischi o all'insorgenza di nuovi rischi”.

Circolare INL numero 1 del 2022 - formazione dirigenti e preposti

Circolare INL numero 1 del 2022: Obblighi formativi, prescrizione e obblighi di addestramento

Dato che gli obblighi formativi per  preposti, datori di lavoro e dirigenti verranno stabiliti entro il 30 Giugno 2022 dalla conferenza Stato-Regioni, questi non potranno essere elementi utili a fine della prescrizione secondo il D.Lgs. 758/1994.

Per quanto concerne l'obbligo di addestramento è necessario sottolineare che già nell'art. 37 D.Lgs. 81/08, al comma 5, si prevedeva che dovesse essere svolto "da persona esperta e sul luogo di lavoro" ma, con la nuova legge 215/2021, viene aggiunto che "l’addestramento consiste nella prova pratica, per l'uso corretto e in sicurezza di attrezzature, macchine, impianti, sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale; l'addestramento consiste, inoltre, nell'esercitazione applicata, per le procedure di lavoro in sicurezza. Gli interventi di addestramento effettuati devono essere tracciati in apposito registro anche informatizzato".

Con questa nuova previsione è evidente che qualora nell'addestramento manchi un'esercitazione applicata e/o una prova pratica, verrà registrata una violazione degli obblighi di addestramento.

Diverso trattamento spetterà invece per il mancato "tracciamento" in un registro informatico dell'addestramento per cui non è prevista alcuna sanzione (anche se è possibile che verrà emanata una disposizione in futuro data l'utilità di questa tipologia di tracciamento).

 Obblighi formativi, prescrizione e obblighi di addestramento

Riferimenti:

Per mantenerti aggiornato con le nuove disposizioni riguardanti la formazione ti consigliamo di seguirci sui Social (ci trovate sia su LinkedIn che su Facebook).

Abbiamo già programmato un corso preposti conforme alla nuova legge 215/2021 e un corso di aggiornamento per preposti conforme alla nuova legge 215/2021, scoprili visitando i link.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*