​Gli infortuni sul lavoro sono pochi.

Pubblicato il 24 Marzo 2022

​Gli infortuni sul lavoro sono pochi.

Gli infortuni sul lavoro sono pochi

Di Ing. Riccardo Borghetto Amministratore Unico Lisa Servizi SRL

Si. Non ho le traveggole. Sono pochi rispetto a quelli che potenzialmente ci potrebbero essere.

I numeri cui siamo abituati (oltre 1000 morti/anno, circa 30.000 infortuni sul lavoro con danni permanenti) sono considerati una strage, ma se guardiamo ai comportamenti a rischio, ogni giorno, in tutte le aziende, potenzialmente potrebbero essere molti di più. Veramente molti di più. E‘ da chiedersi come mai siano così pochi in una situazione quasi generalizzata di comportamenti a rischio.

E’ solo la fortuna che fa sì che un comportamento a rischio non sia seguito da un infortunio. La prevenzione Italiana degli infortuni è sostanzialmente basata sulla fortuna, sulla bassa probabilità che un infortunio avvenga.

La settimana scorsa ero in Provincia di Vicenza, per tenere in qualità di docente, alcuni corsi, in due acciaierie distinte. Erano due corsi di formazione sulla leadership dei preposti.

Tra i vari argomenti parlavo di percezione del rischio e soprattutto di quanto i lavoratori sottostimino alcuni rischi, come la caduta dall’alto e la guida dell’auto.

Guardo dalla finestra dell’aula e nel capannone difronte mi trovo la situazione di cui alle foto sotto riportate. Praticamente avevo in diretta l’esempio pratico di quello che stavo dicendo. Mi sono fermato qualche secondo e ho scattato la foto.

Gli infortuni sul lavoro sono pochi 2

Il giorno dopo, altra azienda, altro corso, fuori dall’aula e dentro al perimetro dell’azienda, una squadra di operatori montava un ponteggio. La foto è sotto riportata. E di nuovo, a 4 metri da me, avevo la dimostrazione in tempo reale del concetto illustrato.

La cosa che mi fa pensare è che l’ingresso nella seconda azienda è subordinato alla trasmissione di un container di documenti. Vogliono sapere tutto prima dell’ingresso. Anche se hai intenzione di separarti. Se manca una virgola non entri.

Ma poi... ecco emergere il comportamento umano nella sua accezione più pericolosa.

Gli infortuni sul lavoro sono pochi

Se la fortuna è distratta e il lavoratore cade, partono i titoli dei giornali “incidente mortale all’azienda XXX”.. “era un lavoratore esperto”, “non si può morire cosi”, “basta morti bianche sul lavoro”, “sciopero di un’ora in tutto il comparto” ecc.

Finché il focus di tutto sono gli infortuni sul lavoro e gli adempimenti burocratici non riusciremo a migliorare.

Nonostante la normativa, che qualcuno ritiene la migliore in Europa, gli incidenti mortali non calano.

Vuol dire che qualcosa non va nel sistema.

È necessario riorientare l’obiettivo dell’attività di prevenzione: gestire e controllare il comportamento umano e soprattutto i comportamenti ad altissimo rischio, anche se a bassa probabilità.

È inutile assumere altri ispettori, se devono venire a controllare gli adempimenti, e se esiste il DVR, POS, PIMUS, PSC e l’attestato di formazione. Devono verificare la situazione sul campo, Mettersi lì a guardare come si comportamento i lavoratori, osservare e contare i comportamenti a rischio e indicare all’azienda i punti su cui migliorare, anche in forma coercitiva.

 

Lisa Servizi può aiutarti a cambiare la cultura della sicurezza, modificando i comportamenti di sicurezza. Se vuoi capire come contattaci.

 

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*