Ritardi nei pagamenti: Italia condannata dalla corte Europea

Pubblicato il 07 Febbraio 2020

Ritardi nei pagamenti: Italia condannata dalla corte Europea

Ritardi nei pagamenti: Italia condannata dalla corte Europea

Italia condannata il 28/2/2020 dalla Corte di Giustizia Europea per non aver fatto applicare alle pubbliche amministrazioni la direttiva UE sul ritardo dei pagamenti.

Ricordiamo che la direttiva 211/7/UE (che in Italia è stata recepita dal D.lgs 231/2002) - Lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali – Transazioni commerciali in cui il debitore è una pubblica amministrazione –

stabilisce l’obbligo degli Stati membri di assicurare che il termine di pagamento delle pubbliche amministrazioni non ecceda 30 o 60 giorni con obbligo di risultato.

Quindi uno dei pessimi aspetti dell’amministrazione del nostro Stato, che crea problemi di liquidità alle imprese e quindi impedisce loro di crescere, viene al pettine e viene, giustamente, condannata dalla Corte Europea.

Speriamo che questo porti a un miglioramento organizzativo della pubblica amministrazione e ad una maggiore velocità nei pagamenti ai fornitori di beni e servizi.

Scarica la sentenza di condanna dell'Italia da parte della corte Europea  

 

 Italia condannata dalla corte Europea

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*