HSE Manager certificato – la norma UNI 11720 Lisa Servizi

Pubblicato il 24 Marzo 2021

 HSE Manager certificato – la norma UNI 11720

HSE Manager certificato – la norma UNI 11720

Da una prospettiva storica, c’era una volta l’addetto o il tecnico sicurezza e salute sul lavoro. Solo le grandi aziende e con rischi importanti (le uniche che si interessavano al problema) avevano funzioni dedicate a questo tema.

Con l’avvento del D.lgs 626/94 è stata definita la figura dell’Rspp e Aspp, cioè il Responsabile e Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione. La gestione della sicurezza si è diffusa praticamente a tutti i settori produttivi e gli standard di prevenzione sono molto migliorati, a pari passo con l’evoluzione della tecnologia e dei metodi gestionali applicati.

Poi sono comparsi i sistemi di gestione QAS e altre certificazioni: il compito di sviluppare e mantenere vivi e performanti i sistemi era spesso in carico al responsabile qualità o al responsabile ambiente e qualità o ambiente e sicurezza. Insomma la materia, che nel frattempo è diventata sempre più complessa è stata distribuita tra più persone.

Con la  nuova norma UNI 11720: 2018 è stato introdotta la possibilità a chi si è occupato di queste materie, di certificarsi, cioè di vedersi riconosciuto il ruolo di HSE Manager, ovvero di una figura apicale con specifica responsabilità sui temi della sicurezza, salute e ambiente in una determinata organizzazione.

 2018

Il contesto attuale e il ruolo dell’HSE Manager

Nella norma UNI 11720-2018 viene evidenziato l’attualità e la strategicità dei temi relativi alla tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza delle organizzazioni, in relazione alle esigenze di competitività nel mercato globale. “Il corpus normativo su questi temi si è arricchito progressivamente negli ultimi anni quale prodotto di un’importante attività legislativa a livello europeo e nazionale. […] In un panorama così articolato e complesso, sempre più organizzazioni, sia pubbliche sia private, sentono la necessità di dotarsi di figure professionali in grado di supportarle nel percorso verso il pieno rispetto dei requisiti in ambito HSE e di svolgere un ruolo di spinta al miglioramento continuo nelle aree della prevenzione e tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e della protezione dell’ambiente”

 

L’HSE Manager una professione non ancora riconosciuta

L’HSE Manager è una professione da inquadrare nell’ambito delle professioni non riconosciute, ovvero quella dei professionisti senza albo o ordine di categoria, secondo quanto definito dalla legge numero 4 del 2013. Il termine HSE Manager non si trova nella legge, non essendo obbligatorio. La certificazione di un professionista come HSE Manager è di tipo volontario, e ha lo scopo di comunicare all’esterno il possesso di determinati requisiti allo scopo di farsi riconoscere, anche economicamente, tale ruolo.

In Italia abbiamo le professioni riconosciute in albi e ordini di categoria (come gli architetti, geometri, ingegneri, medici, avvocati, notai, ragionieri ecc.) e abbiamo le professioni non riconosciute per le quali non esistono albi professionali, ma esistono associazioni che possono “qualificare” i professionisti secondo schemi di certificazione volontaria e imporre regole di deontologia professionale.

Nel sito del Ministero dello sviluppo economico si trova l’elenco delle professioni non regolamentate.

da RSPP a HSE Manager una opportunità professionale

L’HSE Manager è una figura che ormai si trova in molte organizzazioni di medio grande dimensione, ove sono presenti sistemi di gestione integrata, e rappresenta l’evoluzione in senso gestionale dell’Rspp, cui è talvolta delegata la gestione operativa della sola parte sicurezza e salute.

Già alcune Università e importanti enti di formazione hanno modificato i programmi formativi in modo da rilasciare altre abilitazioni oltre a quella come Rspp:
-Docente Formatore in ambito Sicurezza e salute

-HSE Manager ai sensi della norma UNI 11720:2018

 

l’HSE Manager e la norma UNI 11720:2018

L’HSE Manager è definito dalla recente norma UNI 11720:2018 nei minimi dettagli:

-compiti, ovvero cosa deve fare

-competenze, abilità e conoscenze

-requisiti di titolo di studio, di esperienza lavorativa, di percorsi di formazione effettuata

Il livello di inquadramento dell’HSE Manager prende a riferimento i livelli 6 e 7 dell’EQF (European Qualification Framework)  

 

La certificazione dell’HSE con la norma UNI 11720:2018

La norma UNI 11720:2018 è stata specificatamente concepita per la certificazione dei professionisti che desiderano essere riconosciuti come HSE Manager secondo quanto previsto da UNI CEI EN ISO/IEC 17024 (Valutazione della conformità – Requisiti generali per

organismi che eseguono la certificazione di persone).

Gli enti di certificazione accreditati possono quindi sviluppare dei processi di certificazione dei candidati secondo la norma in oggetto.

Il processo di valutazione ha inizio con la richiesta presentata dal candidato.

Sono ammessi all’esame di certificazione tutti coloro che risultano idonei, dopo aver documentato il possesso dei requisiti minimi richiesti.

In pratica vi è un esame documentale e una prova di esame relativa alle conoscenze e abilità definite dalla Norma UNI 11720 nelle seguenti aree:

• organizzativa-gestionale

• giuridico-amministrativa

• tecnica in materia di sicurezza sul lavoro

• tecnica in materia di salute occupazionale

• tecnica in materia ambientale.

L’esame di solito è strutturato in una serie di test a risposta multipla e un colloquio.

La certificazione dell’HSE Manager secondo la norma UNI 11720:2018 è effettuata da alcuni enti di certificazione.

Lo schema di certificazione – realizzato sulla base dei requisiti della norma UNI 11720:2018 – è un’attestazione di terza parte che rappresenta per il mercato una garanzia preventiva di competenza e professionalità.

L’elenco di tutti gli enti di certificazione sotto accreditamento accredia si trovano nel sito di accredia a questo link.

https://www.accredia.it/servizio-accreditato/manager-hse-health-safety-environment/

HSE Manager operativo

L’HSE Manager strategico e operativo nella norma UNI 11720.

 

La norma UNI 11720 prevede due profili professionali simili, ma diversi in relazione al grado di autonomia: il manager HSE strategico e il manager HSE operativo.

 

Il Manager HSE operativo è dotato di piena autonomia decisionale relativamente alla gestione degli aspetti operativi ma limitata per gli aspetti strategici. Opera sotto la direzione strategica del manager HSE strategico. E’ identificato con livello EQF 6

 

Il Manager HSE strategico opera in posizione di piena autonomia decisionale in merito alle strategie in ambito HSE. Il suo ruolo è individuato dal vertice dell’organizzazione. Coordina il Manager HSE operativo, se presente, magari in organizzazioni strutturate in più realtà operative. E’ inquadrato con livello EQF 7

           

 

La qualificazione professionale dell’HSE Manager: titoli di studio, esperienza e corsi di formazione

La certificazione della qualificazione professionale dei profili di Manager HSE Strategico (Prospetto B1) e Operativo (Prospetto B2) prevede la verifica dei requisiti di titolo di studio, esperienza e corsi di formazione specifici in materia HSE come previsto nell’appendice B.

E’ possibile la certificazione anche di professionisti con minore titolo di studio, purchè dimostrino di essersi occupati delle tematiche HSE per un maggiore numero di anni rispetto a chi possiede la laurea.

A prescindere dalla combinazione tra titolo di studio ed esperienza professionale nel ruolo, è richiesto a tutti i candidati di dimostrare di avere frequentato presso enti di formazione accreditati o in ogni caso legittimati dalla legge all’emissione degli attestati, almeno 400 ore di formazione distribuite diversamente (Prospetto B3) nelle cinque aree tematiche di riferimento (specifici contenuti riportati nell’Appendice C):

  • organizzativo-gestionale;
  • giuridico-amministrativa;
  • tecnica in materia di sicurezza sul lavoro;
  • tecnica in materia di salute occupazionale;
  • tecnica in materia ambientale.

 

Il mantenimento nel tempo della qualificazione dell’HSE Manager secondo UNI 11720:2018

Al fine di assicurare il mantenimento nel tempo delle competenze richieste dalla norma UNI 11720, entrambi i profili di HSE Manager, l’HSE Manager strategico e l’HSE manager operativo, devono documentare di aver effettuato un percorso di aggiornamento delle proprie conoscenze con un minimo di 72 ore nel triennio, di cui almeno la metà delle quali deve derivare da attività con verifica dell’apprendimento, pressi enti di formazione riconosciuti.

I corsi per HSE Manager: chi può farli?

Il percorso globale da 400 ore per HSE Manager tratta molti temi obbligatori in ambito sicurezza e salute sul lavoro e ambiente.

Diversamente dalla normativa ambientale, ove non sono previsti dei particolari requisiti di legge per gli enti di formazione, in ambito salute e sicurezza sul lavoro è praticamente tutto normato.

I soggetti formatori riconosciuti per i corsi per HSE Manager devono coincidere con quelli riconosciuti ai sensi della normativa vigente:

-D.lgs 81/08

-accordi Stato Regioni 21/12/2011, 25/7/2012, 7/7/2016 e 22/2/2012

-DM 6/3/2013 ““Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro”.

 

Le conoscenze previste per gli HSE Manager:

Le conoscenze del Manager HSE sono elencate nel prospetto A.1. che è qui sintetizzato:

 

Conoscenze giuridico amministrative

KA01 Il sistema legislativo in materia di salute e sicurezza e ambiente a livello europeo e nazionale

KA02 Principali leggi nazionali ed europee in materia di ambiente e salute e sicurezza sul lavoro e di prodotto e loro sviluppo

KA03 Ruoli e compiti delle figure secondo la legge in materia di salute e sicurezza sul lavoro

KA04 Responsabilità civili, penali e tutela assicurativa

KA05 Le attività degli organi di vigilanza e le procedure ispettive

KA06 Il sistema sanzionatorio

KA07 Principali adempimenti amministrativi finalizzati all’ottenimento e mantenimento di autorizzazioni in materia HSE Scheda tecnica della figura Professionale Manager HSE

KA08 Elementi di diritto del lavoro e di relazioni industriali

 

Conoscenze Tecniche

KB01 Elementi di tecniche, tecnologie e impianti per la gestione degli aspetti ambientali e la riduzione dell’impatto ambientale.

KB02 Metodologie e tecniche per l’analisi, la valutazione e la gestione degli aspetti ambientali e la riduzione dell’impatto ambientale

KB03 Misure di prevenzione e protezione dei rischi per l’ambiente, la salute e la sicurezza.

KB04 Elementi di tecniche d’indagine e di monitoraggio di indagine ambientale (modalità per monitoraggio e misurazione di agenti chimici, fisici e biologici e principali metodiche di laboratorio)

KB05 Elementi di tecniche di indagine e monitoraggio di ambienti di lavoro (modalità per monitoraggio e misurazione di agenti chimici, fisici e biologici e principali metodiche di laboratorio)

KB06 Tecniche per l’analisi e la valutazione degli incidenti ambientali e relativi alla salute e sicurezza (infortuni...)

KB07 Tecniche di prevenzione e gestione delle emergenze (relative alla sicurezza sul lavoro)

KB08 Elementi di energetica e di gestione dei vettori energetici

KB10 Elementi di psicologia occupazionale e gestione dei comportamenti

KB11 Elementi di medicina del lavoro e di gestione della sorveglianza sanitaria

KB12 Tecniche di audit in materia ambientale e di salute e sicurezza sul lavoro

KB13 Principali norme tecniche Uni, CEN, ISO, CEI, CENELEC E IEC in materia di ambiente e di salute e sicurezza sul lavoro

KB14 Elementi di affidabilità, sicurezza e manutenibilità di macchine e impianti

KB15 Elementi di statistica

 

Conoscenze Organizzative

KC01 Elementi di organizzazione del lavoro

KC02 Modelli e strumenti di gestione delle risorse umane

KC03 Elementi base di contrattualistica

KC04 Modello di organizzazione, gestione e controllo ex D.Lgs n. 231/2001 (punto F4) per quanto riguarda i reati connessi alla tutela della salute e sicurezza sul lavoro ed ai reati ambientali

KC05 Elementi di sistemi delle dinamiche e delle relazioni (industriali, inter funzionali e con enti pubblici)

KC06 Teorie e tecniche delle dinamiche di gruppo

KC07 Tecniche di comunicazione

KC08 Tecniche di conduzione delle interviste

KC09 Conoscenza approfondita degli aspetti tecnici, tecnologici e organizzativi dell’organizzazione

KC10 Strategie generali di business dell’organizzazione

KC11 Prestazioni dell’organizzazione e potenziali di miglioramento in materia di HSE

KC12 Prestazioni in materia di HSE dei principali concorrenti e dei best performer del mercato di riferimento dell’organizzazione

KC13 Trend di sviluppo futuro dei principali aspetti HSE applicabili alle attività dell’organizzazione

 

Conoscenze Gestionali

KD01 I sistemi di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro e dell’ambiente con riferimento agli standard nazionali ed internazionali

KD02 Responsabilità d’impresa sostenibilità ambientale

KD03 Elementi di gestione della “Business Continuity” e di “Crisis Management”

KD04 Elementi di gestione degli appalti Scheda tecnica della figura Professionale Manager HSE

KD05 Elementi di gestione dei cantieri

KD06 Elementi di gestione economica degli investimenti

KD07 Processo decisionale basato sul rischio

KD08 Elementi di “Gestione dei progetti (Project Management), “Gestione dei Cambiamenti” (Change Management), “Gestione del tempo” (Time Management) e “Gestione delle priorità” (Priority Management)

KD09 Tecniche di Problem solving e miglioramento continuo

KD10 Metodologie di didattica

KD11 Principi di “team bulding” e “team management”

 

Requisiti di qualificazione professionale per il manager strategico

La formazione richiesta:

Frequenza a corsi specifici nelle materie HSE nelle aree organizzative-gestionali giuridico-amministrative, area tecnica in materia di sicurezza sul lavoro, salute occupazionale, area tecnica ambientale. Per una durata non inferiore a 400 ore, sono conteggiati ai fini del raggiungimento delle ore le ore relativi a corsi di formazione frequentati per tutto l’arco della vita professionale, senza vincoli di anni.

Oltre alla formazione, sono richiesti i seguenti requisiti:

Con Laurea Magistrale: formazione + almeno 10 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 6 anni di incarichi manageriali. Eccezioni: la frequenza ad un dottorato industriale comporta la riduzione di 3 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un dottorato non industriale comporta la riduzione di 2 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un Master di II° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 2 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un master di 1° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 1 anno del requisito di esperienza.

Con Laurea: formazione + almeno 12 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 6 anni di incarichi manageriali. Eccezioni: La frequenza ad un master di 1° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 1 anno del requisito di esperienza.

Con Diploma di scuola secondaria di secondo grado: formazione + almeno 18 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 6 anni di incarichi manageriali.

Con diploma di scuola secondaria di primo grado: formazione + almeno 22 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 6 anni di incarichi manageriali.

Requisiti di qualificazione professionale per il manager operativo

La formazione richiesta:

Frequenza a corsi specifici nelle materie HSE nelle aree organizzative-gestionali giuridico-amministrative, area tecnica in materia di sicurezza sul lavoro, salute occupazionale, area tecnica ambientale. Per una durata non inferiore a 400 ore, sono conteggiati ai fini del raggiungimento delle ore le ore relativi a corsi di formazione frequentati per tutto l’arco della vita professionale, senza vincoli di anni.

Oltre alla formazione, sono richiesti i seguenti requisiti:

Con Laurea Magistrale: formazione + almeno 8 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 2 anni di incarichi manageriali. Eccezioni: la frequenza ad un dottorato industriale comporta la riduzione di 3 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un dottorato non industriale comporta la riduzione di 2 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un Master di II° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 2 anni del requisito di esperienza. La frequenza ad un master di 1° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 1 anno del requisito di esperienza.

Con Laurea: formazione + almeno 10 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 2 anni di incarichi manageriali. Eccezioni: La frequenza ad un master di 1° livello in ambito HSE comporta la riduzione di 1 anno del requisito di esperienza.

Con Diploma di scuola secondaria di secondo grado: formazione + almeno 16 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 2 anni di incarichi manageriali.

Con diploma di scuola secondaria di primo grado: formazione + almeno 20 anni di esperienza professionale in ambito HSE, almeno 2 anni di incarichi manageriali.

LO STIPENDIO DI UN HSE MANAGER

La figura dell’HSE Manager è richiesta soprattutto da grandi organizzazioni. E’ evidente che lo stipendio dipende da molti fattori, tra cui sicuramente la complessità dell’organizzazione in termini di requisiti legislativi di salute e sicurezza e ambiente, la presenza o meno di più siti da gestire, l’esperienza richiesta.

Secondo il portale Talent.it ( https://it.talent.com/salary?job=hse+manager) lo stipendio di un HSE manager in Italia è 55.000 € all'anno o 28.21 € all'ora. Le posizioni “entry level” percepiscono uno stipendio di un HSE manager di 21.450 € all'anno, mentre gli HSE manager con più esperienza guadagnano fino a 65.400 € all'anno.

 

I CORSI DI FORMAZIONE PER HSE MANAGER

Come abbiamo visto un HSE Manager per accedere alla certificazione deve dimostrare di aver frequentato corsi per un totale di 400 ore con copertura delle 5 aree di cui all’appendice C.

Poiché un candidato HSE Manager deve dimostrare di possedere molti anni di esperienza in ambito HSE (dai 16 anni per un diplomato agli 8 per chi possiede una laurea magistrale), sicuramente avrà frequentato moltissimi corsi (ad esempio moduli A,B,C per Rspp, corsi sui rifiuti, emissioni, sistemi di gestione, formazione formatori ecc), quindi è possibile che sia già in possesso delle ore richieste o che manchi solo qualche argomento specifico (ad esempio Business Continuity).

Per cui è richiesto che il candidato verifichi attentamente la documentazione in suo possesso sui corsi effettuati ed eventualmente frequenti i corsi relativi alle competenze mancanti.

DOVE ACQUISTARE LA NORMA UNI 11720:2018?

 

La norma UNI 11720:2018 si può acquistare presso il sito Web dell’UNI (Unistore)

Il costo è di 72€ + iva. Gli iscritti agli ordini professionali convenzionati con Uni possono acquistare la norma a 15€.

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*