Verifica giudizi inidoneità personale sanitario

Pubblicato il 10 Gennaio 2013

Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2013 è prevista, da parte dell’Inps, una verifica straordinaria nei confronti del personale sanitario dichiarato inidoneo allo svolgimento delle mansioni assegnate.
Il decreto interministeriale (Ministro della salute, Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Ministro dell’economia e delle finanze) definirà le modalità di attuazione della verifica e come le aziende devono procedere al ricollocamento del personale di cui sia stata verificata l’inidoneità alle mansioni, dando priorità alla riassegnazione nell’ambito dell’assistenza territoriale.

L’Inps dovrà verificare, entro 12 mesi avvalendosi anche del personale medico delle ASL, l’inidoneità dei lavoratori alla mansione specifica ai sensi dell’articolo 42 del decreto legislativo n.81/2008 e al personale riconosciuto non idoneo, anche in via permanente, allo svolgimento delle mansioni del proprio profilo professionale ma idoneo a proficuo lavoro ai sensi dell’articolo 6 del CCNL integrativo del comparto sanità del 20 settembre 2001.

Per esprimere giudizi di non idoneità alla mansione il medico competente deve tenere conto sia delle condizioni di salute del lavoratore che dei rischi derivanti dalla specifica mansione.
Si intuisce che il compito dell’Inps, con il contributo delle ASL, non si fermerà alla sola analisi diagnostica del lavoratore ma dovrà tener conto della valutazione dei rischi di tutte le mansioni rendendo questa verifica alquanto complessa e di difficile applicazione pratica.
 


 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore