Unione Europea contro Amianto

Pubblicato il 14 Febbraio 2013

L’amianto uccide ancora e continuerà ad uccidere, attorno a 500 mila il numero delle persone che in Europa occidentale potrebbero morire nei primi trent’anni di questo secolo.

Però, un passo avanti è stato fatto. Il Parlamento Europeo ha deciso di adottare il rapporto di Stephen Hughes, un documento che esorta l'Unione Europea a intervenire per proteggere lavoratori e popolazioni da un rischio ancora troppo elevato attraverso l'adozione di una strategia coerente per rimuovere milioni di tonnellate di amianto dagli edifici europei.

Il primo passo comporta una schedatura su grande scala di tutti gli edifici a rischio, sia pubblici che privati.
È stato proposto di inserire la questione amianto tra le politiche di efficienza energetica dell’EU per poter, in occasione dei lavori di ammodernamento degli impianti energetici degli edifici, eliminare le parti ancora in amianto.
Il rapporto Hughes presta molta attenzione sia ai lavoratori che dovranno essere impiegati nelle operazioni di bonifica, attraverso di formazione e qualificazione professionale, sia alle vittime e alle famiglie di queste ultime le quali hanno diritto ad un adeguato risarcimento.

Per concludere L'ILO (l’Organizzazione Internazionale del Lavoro) ha elaborato, con la collaborazione dell'Organizzazione Mondiale della Salute (WHO), un documento dal titolo: “Outline for the Development of National Programmes for Elimination of Asbestos-Related Diseases”. Lo scopo di questo documento è di favorire lo sviluppo di piani nazionali indirizzati all'eliminazione dell'amianto.


QUI il documento dell'ILO

 

 
 
 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore