Riduzione tasso Modello INAIL 2020 | Lisa Servizi

Pubblicato il 13 Agosto 2019

Riduzione tasso Modello INAIL 2020

Riduzione tasso Modello INAIL 2020

Al di la del cambio di nome (sparisce la sigla OT24) ad una veloce lettura non ci sono grosse novità nella domanda per la riduzione del tasso medio di tariffa INAIL per la prevenzione relativa al 2020.
Le aziende che eseguono interventi per il miglioramento delle condizioni di prevenzione e tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli previsti dalla normativa in materia, possono ottenere la riduzione per prevenzione.
Nel primo biennio la riduzione è applicata nella misura fissa dell’8%.
Dopo il primo biennio la riduzione è data dalla seguente tabella:
Riduzione tasso Modello INAIL 2020

Come ogni anno l’INAIL ha reso disponibile il nuovo modello per la domanda di riduzione del tasso da applicare per l’anno 2020.
Come sempre il modello è accompagnato dalla relativa Guida alla compilazione.

La domanda va inviata esclusivamente in modalità telematica, attraverso la sezione Servizi Online presente sul sito www.inail.it, entro il termine del 29 febbraio 2020, unitamente alla documentazione probante richiesta dall’Istituto. 
L’azienda può chiedere la riduzione qualunque sia l’anzianità dell’attività aziendale, anche nel primo biennio di attività della posizione assicurativa territoriale (PAT).
Gli interventi devono essere effettuati nel corso del 2019 finalizzati al miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, in aggiunta a quelli obbligatori (D.lgs. n. 81/2008 e s.m.i.).
STRUTTURA DEL MODELLO INAIL 2020 
Non vi sono grosse novità nella struttura del Modello INAIL 2020. Rimangono le sezioni:
1.    Interventi di carattere generale
2.    Interventi di carattere generale ispirati alla responsabilità sociale
3.    Interventi trasversali
4.    Interventi settoriali generali
5.    interventi settoriali.
Per gli interventi relativi alla Responsabilità sociale (Sez. B), l’attribuzione del punteggio è funzione della dimensione aziendale (grandi, medie, piccole e micro imprese). Per le varie fasce dimensionali vi sono varie tipologie di attività da documentare.
Gli interventi trasversali generali (TG) e gli interventi settoriali generali (SG), presenti nelle sezioni A e B e D, devono essere riferiti all’azienda nel suo complesso e devono essere quindi realizzati per tutte le posizioni assicurative dell’azienda stessa. Per contro, gli interventi previsti nelle sezioni C ed E possono essere realizzati anche solo su singole Pat dell’azienda.
È stato mantenuto, come per gli anni precedenti, il punteggio differenziato in relazione al settore produttivo aziendale, individuato attraverso le voci di tariffa con cui è assicurata l’attività. Per gli interventi di prevenzione del rischio stradale E10-E11-E12 è stata confermata la graduazione del punteggio operata in funzione della percentuale dei lavoratori coinvolti o dei mezzi aziendali interessati.
Ripercorriamo le sezioni del modulo INAIL 2020

Sezione A

Ora la nuova sezione A-1 riporta le seguenti possibilità:
L’intervento si applica ai sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro certificati sotto accreditamento secondo la norma:
• BS OHSAS 18001:07 in conformità al RT 12 di Accredia rev 1 del 2006
• BS OHSAS 18001:07 o UNI ISO 45001:18 in conformità al EA 3/13 M 2016
• BS OHSAS 18001:07 o UNI ISO 45001:18 in conformità a IAF MD 22:18 o IAF MD 21:18
I certificati dovranno essere datati nel 2019 o, se datati in anni precedenti, essere in corso di validità per l’intero anno 2019. Non sono pertanto validi certificati che riportano una data di scadenza antecedente al 31 dicembre 2019. Il sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro dovrà riguardare tutte le PAT aziendali. 
Nel caso di sistemi di gestione certificati che non ricadono nei punti precedenti dovrà essere selezionato l’intervento A-3.  
Permangono  le sezioni, tutte con 100 punti:

  1. A-2 (sistema di gestione della sicurezza certificato secondo Norma UNI 10617)
  2. A-3 Linee Guida UNI INAIL ISPESL e Parti Sociali o da norme riconosciute a livello nazionale e internazionale 
  3. A-4 L’azienda ha adottato o mantenuto un modello organizzativo e gestionale di cui all’art. 30 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i., anche secondo le procedure semplificate di cui al d.m. 13/2/2014
  4. A-5 L’azienda ha adottato o mantenuto un modello organizzativo e gestionale di cui all’art. 30 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. asseverato in conformità al Rapporto tecnico UNI TR 11709:2018
  5. A.6 L’azienda, nell’anno di riferimento, ha partecipato al premio “Imprese per la sicurezza” - promosso e organizzato da Confindustria e Inail, con la collaborazione tecnica di Associazione Premio Qualità Italia e Accredia - risultando finalista e ha ricevuto la prevista visita in loco da parte del team di valutatori esperti. 
  6. A-9: L’azienda ha implementato o mantenuto un sistema di Responsabilità Sociale certificato SA 8000 
  7. A-10  “L’azienda in attuazione dell’Accordo quadro europeo sulle molestie e la violenza sul luogo di lavoro del 26 aprile 2007 ha elaborato la relativa dichiarazione ed ha conseguentemente attuato specifiche procedure.

 

Sezione B

Nei vari punti della sezione B sono elencate alcune parti del modello di “Responsabilità sociale delle organizzazioni – Indirizzi applicativi della UNI ISO 26000” 

Sezione C

Interessanti sono gli interventi per la prevenzione degli incidenti stradali che ricordiamo sono in crescita:
C-14: INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO STRADALE: sono stati installati, su tutti i mezzi aziendali che non ne erano già provvisti, sistemi di comunicazione per telefono cellulare dotati di dispositivi fissi con chiamata diretta vocale.
C-15:INTERVENTI PER LA PREVENZIONE DEL RISCHIO STRADALE: sono stati installati, su tutti i mezzi aziendali che non ne erano già provvisti, dispositivi fissi per la rilevazione e l’allarme in caso di colpo di sonno.

Ricordiamo che la documentazione da presentare (documentazione probante) va allegata subito all’atto della domanda assieme al modello INAIL 2020.
Bisogna dire che il modello che elenca le attività che contribuiscono ad ottenere i 100 punti necessari per beneficiare della riduzione del premio Inail è composto da ben 56 pagine e quindi ci sono veramente molte possibilità per le aziende di beneficiare di tale possibilità.
Poiché, come detto, il modello INAIL 2020 farà riferimento ad azioni svolte nel 2019 l’approfondimento del modello consentirà di mettere a punto in modo corretto ogni azione e la conservazione della documentazione che dovrà essere obbligatoriamente allegata alla domanda nella misura e nei termini indicati espressamente nel modello OT24.
Scarica il nuovo Modello INAIL 2020
Scarica le linee guida alla compilazione del nuovo Modello INAIL 2020
 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore

Iscriviti alla Newsletter!

Segui da vicino le novità di Lisa Servizi, rimani aggiornato su eventi e servizi. Promettiamo di inviarti solo contenuti che troverai sicuramente interessanti.

Nome*
Email*