Processo Eternit: 18anni in appello

Pubblicato il 05 Giugno 2013

La Corte d’appello di Torino ha inflitto 18 anni di reclusione nel processo per disastro doloso a Stephan Schmidheiny, Manager degli stabilimenti italiani della Eternit.
In primo grado erano stati erogati 16 anni che in appello sono stati aumentati.
Con la morte dell’altro imputato, il barone belga Louis de Cartier, anche lui condannato precedentemente a 16 anni, rimane un solo imputato nel processo.
Molto soddisfatto il Procuratore Aggiunto Guariniello: “Questa sentenza è un sogno che si avvera, ci dice che non è mai azzardato sognare”, ha commentato a caldo Raffaele Guariniello, che ritiene la decisione della Corte d’appello di Torino “un punto di riferimento per tutte le cause di disastro ambientale”. Per il pm che ha coordinato il pool dell’accusa, “siamo andati al di là di ogni aspettativa”.
Sono state concessi risarcimenti per oltre 30 milioni di euro a favore delle vittime, delle Regioni, Comuni, Asl, Sindacati e associazioni Familiari. Escluse Inail e Inps.
 

Vai alla notizia completa di fonte Inail 




 

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore