Operatività del SISTRI

Pubblicato il 03 Maggio 2013

Il D.M. del 20/03/2013 rispolvera il SITRI e reintroduce la progressiva operatività del SISTRI a partire dal 1 ottobre 2013.
In particolare il Ministero ritiene opportuno “limitare la prima fase di esercizio ad una porzione ridotta di utenti”. Si riassumono di seguito i contenuti

1) partenza del SISTRI il 1 ottobre 2013 per i seguenti soggetti:

• produttori iniziali di rifiuti pericolosi con più di 10 dipendenti;
• le imprese e gli enti che effettuano operazioni di recupero o smaltimento di rifiuti;
• i commercianti e gli intermediari di rifiuti;
• i consorzi istituiti per il recupero o il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti che organizzano la gestione di tali rifiuti per conto dei consorziati;
• le imprese e gli enti che raccolgono o trasportano rifiuti speciali a titolo professionale; nel caso di trasporto navale, l'armatore o il noleggiatore che effettuano il trasporto o il raccomandatario marittimo di cui alla legge 4 aprile 1977, n. 135, delegato per gli adempimenti relativi al SISTRI dall'armatore o noleggiatore medesimo;
• nel caso di trasporto intermodale marittimo di rifiuti, il terminalista concessionario dell'area portuale di cui all'articolo 18 della legge 28 gennaio 1994, n. 84, e l'impresa portuale di cui all'articolo 16 della citata legge n. 84 del 1994, ai quali sono affidati i rifiuti in attesa dell'imbarco o allo sbarco, in attesa del successivo trasporto;
• nel caso di trasporto intermodale ferroviario di rifiuti, i responsabili degli uffici di gestione merci e gli operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione e gli scali merci ai quali sono affidati i rifiuti in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell'impresa ferroviaria o dell'impresa che effettua il successivo trasporto.

2) partenza al 3 marzo 2014 per tutti gli altri soggetti tra i quali:
• le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali pericolosi con meno di 10 dipendenti;
• le imprese e gli enti produttori di rifiuti speciali non pericolosi di cui all'articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni, che hanno più di dieci dipendenti;
• i Comuni, gli enti e le imprese che gestiscono i rifiuti urbani del territorio della Regione Campania.

I primi devono procedere autonomamente alla verifica dell'attualità dei dati e delle informazioni trasmesse e all'eventuale aggiornamento e riallineamento tra il 30 aprile e il 30 settembre 2013.
I secondi possono procedere all’aggiornamento e riallineamento tra il 3 settembre 2013 e il 28 febbraio 2013.

Come da art. 4 dello stesso DM, il versamento del contributo di iscrizione al SISTRI è sospeso per l'anno 2013 per gli enti e le imprese già iscritti alla data del 30 aprile 2013.

Si ricorda inoltre che fino alla scadenza dei 30 giorni dalla data di operatività del SISTRI, si deve continuare ad utilizzare i registri di carico scarico e i formulari, come da art. 190 e 193 del DLgs. 152/2006
 


 
 

 

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore