Motivazioni sentenza Eternit: errore Procura

Pubblicato il 24 Febbraio 2015

Motivazioni sentenza Eternit: errore Procura

 

Fonte Inail

Clamoroso errore della Procura, del Tribunale e della Corte D’Appello. Questo emerge dal deposito della sentenza Eternit con cui la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di condanna per disastro ambientale nei confronti dell’imprenditore Svizzero Stephan Schmidheiny. Per la Cassazione i giudici della Corte D’Appello hanno “confuso il reato con la permanenza dei suoi effetti”. Il reato era già prescritto prima ancora del rinvio a giudizio. Come conseguenza dell’annullamento sono stati cancellati anche tutti i risarcimenti alle parti civili.

Dall’agosto 1993 in cui era già noto l’effetto nocivo dell’amianto al rinvio a giudizio del 2009 sono passati più dei 15 anni previsti, cosa che si sapeva anche prima di iniziare il processo.

Dice la cassazione che “Il disastro non era l’imputazione da applicare” come il famoso Procuratore avrebbe dovuto sapere.

 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore