Decreto “del Fare”: le novità sulla sicurezza

Pubblicato il 17 Giugno 2013

 

In attesa di approvazione del Parlamento, vediamo quali sono le novità previste dal Decreto “del Fare” approvato venerdì dal Consiglio dei Ministri. Negli oltre 80 articoli che vanno ad intervenire nella quotidianità dei cittadini, in molti settori della pubblica amministrazione scopriamo quali sono le novità in materia di salute e sicurezza in ambito lavorativo:

Documento Unico Valutazione Rischi

Nelle procedure d’appalto, il Committente - Datore di Lavoro al fine di promuovere la cooperazione e il coordinamento tra le imprese esecutrici elabora un unico documento di valutazione rischi (DVR-U), con le misure previste per ridurre al minimo i rischi causati da interferenze.

  • Il DVR-U deve essere allegato al contratto di appalto o di opera e deve essere adeguato in funzione dell’evoluzione dei lavori, servizi, forniture;
  • Il DVR-U non si applica ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature, ai lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai “10 uomini-giorno”;
  • L’esclusione di cui al punto precedente non si applica nel caso in cui vi siano rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari indicati nell’Allegato XI del TUS.


Attività a basso rischio infortunistico

Si applica solo nelle attività a basso rischio infortunistico, i cui settori saranno individuati con successivo decreto del Ministero del Lavoro, in alternativa al DVR-U il Committente – Datore di Lavoro può individuare un proprio incaricato, con competenze tipiche del preposto (formazione, aggiornamento ed esperienza), per sovraintendere alle operazioni di coordinamento tra le varie imprese esecutrici dell’appalto.

Notifiche agli organi di vigilanza

Per i casi di costruzione e realizzazione di edifici o locali da adibire a lavorazioni industriali cambieranno le procedure e i contenuti della notifica all’organo di vigilanza competente.
Inoltre vengono semplificate le comunicazioni per quanto riguarda le verifiche periodiche, di cui l’allegato VII del Testo Unico e il D. M. 11 aprile 2011.

DURC

Modifica del “Codice degli Appalti” e semplificazione della disciplina della regolarità contributiva per il rilascio del Documento Unico:

  • La stazione appaltante deve richiedere il DURC d’ufficio e potrà riceverlo da INPS, INAIL e Casse Edili esclusivamente in via elettronica e con firma digitale;
  • La richiesta d’ufficio vale anche per gli eventuali subappaltatori;
  • La richiesta d’ufficio vale sia per l’accertamento delle clausole di esclusione sia ai fini del pagamento delle prestazioni (in genere, nei contratti di lavori pubblici, sevizi e forniture, il DURC è acquisito d’ufficio per tutte le fasi in cui si articola il contratto);
  • Se il DURC è irregolare il debito contributivo risultante viene trattenuto dal pagamento;
  • Il DURC vale 180 giorni (6 mesi) dalla data di emissione e viene rinnovato d’ufficio dopo la scadenza;
  • Al momento del saldo le Amministrazioni devono, prima del pagamento, acquisire un nuovo DURC;
  • In presenza di inadempienze che possano compromettere il rilascio del DURC, prima del rifiuto definitivo, gli enti creditori devono invitare l’interessato via mail, ovvero tramite consulente del lavoro, a regolarizzare la posizione, concedendogli ulteriori 15 giorni.

Responsabilità solidale

Prevista l’abrogazione della responsabilità solidale negli appalti sulle ritenute relative ai redditi da lavoro dipendente e l’IVA.

 


Vedi i nostri corsi on Line

Vedi il nostro elenco prodotti per la sicurezza

Cosa dicono di noi

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore