Contributo ambientale impianti gestione rifiuti

Pubblicato il 29 Agosto 2013

Definito in sede regionale l’ammontare del contributo ambientale che i gestori delle discariche devono versare ai comuni che ospitano gli impianti come risarcimento per il disagio recato al territorio dalla loro presenza.

La Regione Veneto, in attuazione della legge regionale n.3/2000, ha emanato provvedimenti finalizzati a:
 

- definire l’entità del contributo, il quale cambierà in base alla quantità e alla tipologia di rifiuti trattati;

- individuare le tipologie di impianti di trattamento dei rifiuti che devono versare il contributo ambientale ai comuni che dovranno sostenere i costi di gestione dopo la chiusura delle discariche e degli interventi di bonifica di ripristino ambientale;
 

Ulteriori novità sul contributo ambientale previste dal Dgr. n. 1104 del 28 giugno 2013 sono:

a) la revoca con effetto retroattivo dei precedenti provvedimenti regionali che individuavano l’assoggettamento a contributo della quasi totalità delle tipologie di impianti di gestione rifiuti,

b) l’assoggettamento al contributo ambientale, per il momento, delle sole discariche per rifiuti urbani (4),

c) la determinazione dell’entità massima del contributo da corrispondere al comune sede dell’impianto, fissandola in euro 10,33/tonnellata per i rifiuti urbani e in euro 5,00/tonnellata per i rifiuti speciali.
 



 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore