Amianto: Maxisentenza processo Italcantieri

Pubblicato il 23 Ottobre 2013

 

Un processo durato 3 anni con 94 udienze che ha portato a13 condanne per un totale di 56 anni e 6 mesi di reclusione, questo è quanto è stato deciso nella sentenza di primo grado emessa il 15 ottobre dal Tribunale di Gorizia per ciò che è accaduto fra gli anni Settanta e Ottanta nella Italcantieri, oggi Fincantieri.

Il processo è relativo alla morte di 85 lavoratori della Italcantieri di Monfalcone causate da malattie correlate all’esposizione di amianto. Il Giudice ha ritenuto, su 35 imputati, 13 responsabili di omicidio colposo, di cui le sentenze più rilevanti agli ex direttori della attuale Fincantieri, con relativa condanna al risarcimento nei confronti di quattro vedove, le quali, diversamente dalle altre non avevano già ottenuto un indennizzo da parte di Fincantieri. Come parte civili si sono presentati: Inail, Regione, Provincia di Gorizia, Comune di Monfalcone, Associazione esposti amianto, Fiom e Codacons, i quali hanno visto confermato il pagamento di quanto richiesto.

Sono stati assolti, invece, i responsabili della sicurezza interna e i datori di lavoro delle ditte che lavoravano in appalto.

Già nel 2010 la Fincantieri ha visto i vertici della sede di Palermo condannati per omicidio colposo plurimo e lesioni gravissime in relazione al decesso di 37 operai correlato all’esposizione all’amianto.

La sentenza del Tribunale di Gorizia conferma la linea di colpevolezza già espressa nella sede siciliana.


 

Condividi:

Formazione professionale per la tua crescita.

Lisa Servizi è un Organismo di Formazione accreditato dalla Regione Veneto in ambito di Formazione Continua, e offre formazione di alto livello attraverso la business unit dedicata, che propone corsi interaziendali a catalogo, corsi aziendali personalizzati, e-learning e training su campi prove.

Rimani informato sugli aggiornamenti di settore